REGOLAMENTO SULLA CONSERVAZIONE DEGLI HABITAT, FLORA E FAUNA

Ripopolamento con specie alloctone non invasive: forse si apre uno spiraglio.
"Un primo importante passo è stato fatto nella direzione della considerazione del valore alieutico di alcune specie alloctone non invasive - il commento del direttore della Fiops Francesco Ruscelli - Certo dobbiamo attendere l'approvazione del regolamento e comprendere nel dettaglio le modalità attuative ma riteniamo che sia un punto di inizio per affrontare questioni dibattute ormai da anni". 
Sotto la nota 👇👇👇

Roma, 04 apr - (Nova) - Il Consiglio dei ministri, che si è riunito oggi, 4 aprile, a Palazzo Chigi, su proposta del presidente Giuseppe Conte, ha approvato, in esame definitivo, un regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che modifica la disciplina relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonche' della flora e della fauna selvatiche (decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357). Lo si apprende da un comunicato della presidenza del Consiglio. In particolare, il regolamento dispone che, in presenza di motivate ragioni di interesse pubblico, il ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare possa derogare al divieto di reintroduzione, introduzione e popolamento in natura di specie e popolazioni non autoctone nel territorio italiano, sulla base sia di studi che evidenzino l'assenza di effetti negativi sull'ambiente, sia di appositi criteri, che lo stesso dovrà adottare entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del provvedimento. Il testo tiene conto dei pareri espressi dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e dal Consiglio di Stato. (Com)