FIRMATA L’ORDINANZA PER LA RIAPERTURA DELLA PESCA SPORTIVA NEL PORTO DI LIVORNO

Una vittoria per tutti i pescatori

E’ stata ufficialmente firmata l’ordinanza numero 12 del 2019 che modifica parzialmente la numero 11 del 3 aprile 2018 e consente la pesca sportiva e ricreativa in alcune aree nel porto di Livorno. Precisamente è stato ripristinato l’uso pubblico del “primo gradone di camminamento della diga della Meloria e del primo gradone, limitatamente ai primi 40 metri direzione sud, della diga Curvilinea”. Un risultato importante per la Fiops, la Federazione italiana operatori pesca sportiva che, fin dall’inizio, aveva sostenuto il comitato il Popolo delle barchette e tutti i pescatori livornesi facendosi portavoce delle loro richieste a livello istituzionale.

“Siamo particolarmente soddisfatti – dichiara il direttore Francesco Ruscelli – perché, da subito, abbiamo supportato i pescatori livornesi in questa rivendicazione di carattere sociale e culturale. Vogliamo ringraziare, per l’impegno profuso in questa vicenda, il campione del mondo Marco Volpi, e quel gruppo di pescatori determinati che sono Flavio Cinali, Valerio Mastracci, il consigliere comunale Marco Ruggeri, Alessio Aiello e Maurizio Bellandi che, per primi, si sono attivati promuovendo la grande manifestazione pubblica al Molo Novo contro l’ordinanza di chiusura”.

Circa un anno fa infatti si erano verificate accese ma pacifiche proteste che avevano visto protagonisti centinaia di pescatori sportivi e ricreativi che, con striscioni, cartelli e decine di imbarcazioni, avevano occupato il Molo Novo per opporsi all’ordinanza numero 11. Con tale documento infatti era stata disposta l'interdizione dell'accesso alle dighe foranee del porto di Livorno. Dopo settimane di confronto e dibattiti, sopralluoghi e incontri, sono stati mossi i passi fondamentali per arrivare alla firma della nuova ordinanza.

“Ringraziamo – continua Ruscelli – anche l’onorevole Andrea Romano deputato livornese del Pd e l’ingegner Stefano Bianco dell’autorità portuale che è stato un punto di riferimento essenziale per arrivare a tale risultato e anche l’ammiraglio Giuseppe Tarzia della direzione marittima della capitaneria di porto per la costante disponibilità dimostrata alle problematiche poste dai pescatori sportivi”.

Quanto successo a Livorno indica un modello per tutti quei territori che attendono risposte.

“Se la mobilitazione parte dal territorio e cresce attraverso il supporto delle associazioni sarà più facile portare le problematiche all’attenzione dell’opinione pubblica e, soprattutto, delle istituzioni competenti. In questo modo possono essere affrontate e risolte nel migliore dei modi”.

L’ordinanza rappresenta inoltre un tassello importante per il tavolo sulla regolamentazione della pesca sportiva e ricreativa nei porti della Toscana che, a breve, sarà riconvocato dall’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli per la conclusione dei lavori.

“La Fiops – conclude il direttore Francesco Ruscelli – è vicina a tutti i pescatori che dimostreranno di volersi attivare nel territorio”.