UMBRIA - PESCA SPORTIVA E MARKETING TERRITORIALE

Si è svolta questa mattina l’audizione delle commissioni congiunte pesca e turismo della Regione richiesta dopo l’iniziativa di qualche settimana fa a Passignano sul Trasimeno. La riunione, convocata dai presidenti delle due commissioni Attilio Solinas e Eros Brega e richiesta dal consigliere regionale Giacomo Leonelli, ha visto la partecipazione del direttore della FIOPS - Federazione Italiana Operatori Pesca Sportiva Francesco Ruscelli, del vice presidente nazionale Fipsas Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee Nuoto Pinnato Antonio Gigli, del presidente provinciale Fipsas Perugia Vanni Giorgioni, di Sergio Schiavone degli organizzatori dell’iniziativa Michele Santiccioli e il presidente del Bass Division, del consigliere della Regione Umbria Giacomo Leonelli, del neo sindaco di Passignano sul Trasimeno Sandro Pasquali e di alcuni titolari di negozi di pesca in Umbria.

Dati i rilevanti numeri e il considerevole impatto economico sul territorio, è stata sottolineata la necessità di introdurre il tema della pesca sportiva e ricreativa nell’agenda politica della Regione Umbria da affrontare in maniera multidisciplinare: non solo infatti valutare l’attività come un passatempo per appassionati ma considerare la pesca per le evidenti ricadute sul turismo locale e per la spinta alla salvaguardia e al rispetto di un ambiente da preservare. Obiettivo è quello di arrivare alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra la Regione, le associazioni, i pescatori e gli operatori per la valorizzazione della pesca come volano per il marketing territoriale. I presidenti delle due Commissioni, si sono presi l’impegno di redigere un documento, implementato dai contributi forniti dalle associazioni, da portare in approvazione nelle rispettive commissioni e da presentare inseguito agli assessori di pesca e turismo della Regione.

Un’attenzione particolare sarà inoltre rivolta alla questione del lago Trasimeno attraverso specifici atti.

Fra le questioni affrontate durante il meeeting anche la piaga del bracconaggio ittico, la necessità di maggiori controlli, il delicato equilibrio fra specie alloctone e autoctone per le immissioni e il ripopolamento, la questione degli uccelli ittiofagi e la valorizzazione delle attività agonistiche.

“Sono davvero soddisfatto per l’esito dell’incontro – ha dichiarato il direttore della Fiops Francesco Ruscelli – a distanza di poco tempo dall’assemblea pubblica organizzata a Passignano sul Trasimeno, siamo riusciti a intraprendere un percorso positivo e costruttivo con la Regione Umbria. Auspichiamo che si arrivi presto alla sottoscrizione di protocolli intesa importanti per pianificare lo sviluppo della pesca sportiva e ricreativa nel territorio e che le istituzioni competenti acquistino sempre di più la consapevolezza che determinate azioni possano portare positive ricadute di carattere turistico ed economico".