Vietata la possibilità di ormeggio alle tre dighe

In merito all’ordinanza dell’Autorità di Sistema portuale del mar Tirreno settentrionale pubblicata il 13 aprile sull’albo online (http://albo.portialtotirreno.it/portia…/…/albo_dettagli.php…) e diffusa ieri dai quotidiani, nella quale si vieta la possibilità di usare come punto di ormeggio la Diga Curvilinea, la Diga della Vegliaia e la Diga della Meloria, questa mattina il direttore della Fiops Francesco Ruscelli ha scritto una lettera al Segretario Generale dell’Authority, Massimo Provinciali chiedendo ulteriori informazioni ed un incontro urgente. 
I contenuti della delibera infatti contraddicono con lo spirito collaborativo e costruttivo che si era istaurato ad inizio anno con il tavolo di lavoro costituito in Regione Toscana. 
All’incontro sul tema della regolamentazione della pesca sportiva e ricreativa nei porti della Regione, oltre all’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli e al direttore della Fiops Francesco Ruscelli, hanno partecipato anche il contrammiraglio della capitaneria di porto Giuseppe Tarzia, l’ingegner Fabrizio Morelli responsabile dell’autorità portuale regionale e, appunto, Massimo Provinciali. 
Da allora è iniziato un lavoro per arrivare alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa e attuativo tra i soggetti competenti e le associazioni dei pescatori per regolamentare la pratica della pesca sportiva e ricreativa nelle aree portuali di Livorno e Piombino e negli altri porti della Regione.
Per questo riteniamo urgente un incontro per affrontare i provvedimenti della recente delibera e evitare una penalizzazione della pesca sportiva e ricreativa 
#Fiops #Avantiinsieme